Ruoppolo Teleacras - Provenzano non è demente

Bestiacane
473
88 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 16 marzo 2012.
Verdetto all' Assise di Palermo : i periti escludono la demenza. Bernardo Provenzano, nonostante sia gravemente malato, e' capace di intendere.
Ecco il testo :
Provenzano e' malato ma non e' demente. Il boss e' sotto processo alla Corte d'Assise d'Appello di Palermo, ed e' capace di partecipare alle udienze coscientemente e di difendersi. Cosi' hanno sentenziato i consulenti incaricati dai giudici giudicanti. Si', e' verita' : a Provenzano e' stato diagnosticato l' insorgere del Parkinson, poi una encefalite destinata a peggiorare. E poi vi e' la recrudescenza del tumore alla prostata, il cancro contro cui Provenzano ha gia' combattuto da latitante, viaggiando nascosto due volte verso una clinica di Marsiglia. Ecco perche' ieri il figlio Angelo ha denunciato il decadimento neurologico, quindi il Parkinson e l'encefalite, e poi le difficolta' nella chemioterapia, riassumendo il tutto nella frase : " il conto alla rovescia e' cominciato ". Se davvero il final countdown e' iniziato e' un interrogativo per i soli medici. Al momento pero', Provenzano e' capace, lucido, e dunque non vi e' una infermita' tale, come secondo il codice di procedura penale, da pregiudicare la sua corretta presenza ai processi. L' accertamento medico sull' ex Capo di Cosa nostra siciliana e' stato sollecitato dal difensore, l' avvocato Rosalba Di Gregorio, che ha piu' volte denunciato le gravissime condizioni fisiche e mentali del suo cliente. Oltre tutto, Provenzano, detenuto al 41 bis a Parma, sarebbe afflitto da problemi al colon, e la colonscopia ancora non e' stata compiuta fuori dal carcere per ragioni di sicurezza. L' avvocato Di Gregorio ha citato anche le lettere che le ha scritto Provenzano, e dichiara "che sono sconnesse, dimostrano la sua difficolta' a capire e a seguire cio' che gli si dice. Anche per le sue attivita' quotidiane in cella avrebbe bisogno di un supporto, al momento mancante".

0 commenti