Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Sparatoria ad Agrigento

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,5K
    120 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 24 novembre 2008. Sono in carcere i 3 rapinatori pizzicati al Villaggio Mose di Agrigento e poi inseguiti ed arrestati al culmine di una sparatoria ( per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo ).
    Ecco il testo:
    Eccolo, su di una fiancata della Rover grigia metalizzata. E' il foro di un proiettile.....poi ecco un bossolo a terra, sull'asfalto bagnato dalla pioggia, un carabiniere si piega e lo raccoglie con una salvietta........poi ecco il vetro anteriore, in frantumi, forse perchè colpito da un altro proiettile.....poi ecco l'interno dell'abitacolo della Rover, cocci di cristallo sul sedile posteriore........una carpetta con dei fogli.......poi, altro particolare del foro sul vetro anteriore, bersaglio di un sparo.. Sono le immagini di un sabato sera di novembre, freddo e piovoso, riscaldato dai colpi darma da fuoco, che hanno imperversato tra le strade della città...... Agrigento, il Villaggio Mosè, il Viale Leonardo Sciascia.... Un posto di blocco dei Carabinieri..... La paletta rossa contro una Rover grigia metalizzata..... L'auto, rubata a Gela, non si ferma e da fuori i finestrini sono esplosi dei colpi contro la pattuglia. Scatta l'inseguimento. In strada si scatenano le Gazzelle dei Carabinieri e le Volanti della Polizia. La Panoramica dei Templi, Bonamorone, poi giù verso i Templi, la via Petrarca ed il Viadotto Morandi dove, al primo incrocio per via Dante, i Carabinieri sparano ancora e centrano le ruote della Rover........ L'auto si ribalta fuori strada. Quì, e per capire dove è il cameraman punta sulla chiesa di San Pietro e scende giù adagio verso la bretella sul ponte che cavalca la necropoli bizantina........ Due banditi sono arrestati subito dai Carabinieri. Eccoli, sono loro. Nicolò Morello, 24 anni, di Gela, ed un minorenne di 16 anni di Caltagirone, M.C, ecco le iniziali del nome. Il terzo, Salvatore Nocera, 20 anni, di Gela, scappa ma è inseguito ed arrestato poco dopo dalla Polizia. Le armi sono sequestrate. Sono due pistole giocattolo modificate. Poi arnesi atti allo scasso e passamontagna. Una banda di rapinatori in trasferta, e che incombe minacciosa su Agrigento, poi invece le manette, appena in tempo, prima dei colpi. Proficua e brillante collaborazione tra i Carabinieri della Compagnia di Agrigento, capitanati da Giuseppe Asti, e dai Poliziotti della Squadra Volanti, agli ordini di Corrado Empoli.