Colombia, bimbi-soldato delle Farc: il dramma di 18mila scomparsi. A 8 anni violentati, sfruttati e costretti a combattere

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
36 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Bogotà (TMNews) - Questo video, confiscato nel 2006 dall'esercito colombiano, mostra decine di bambini-soldato, addestrati e sfruttati come guerriglieri dalle Farc, le Forze armate rivoluzionarie della Colombia."E' triste ricordare. Avevo solo 11 anni quando sono stata rapita dai miliziani e per altri 11 anni sono stata violentata e sfruttata da loro".Sara Morales è stata una degli oltre 18mila "ninhos guerrilleros" che, secondo i dati in possesso delle associazioni umanitarie, negli ultimi anni sono stati sfruttati per i propri scopi dai ribelli marxisti. Alcuni vengono letteralmente rapiti e sottratti alle loro famiglie, solitamente molto povere, altri attirati con la promessa di vitto e alloggio."Vengono normalmente utilizzati per minare campi - spiega Natalia Springer, studiosa del fenomeno - trasportano esplosivi, fanno rapimenti, insomma fanno tutto ciò che normalmente fanno i combattenti adulti. È una vera e propria emergenza umanitaria".Il 69% dei bimbi-soldato rapiti ha meno di 14 anni, alcuni addirittura 7 o 8. Il 98% di loro, invece, subisce violenze di ogni tipo, le bambine soprattutto sessuali, da parte dei loro comandanti. E in molti casi, se si ribellano o non sono all'altezza, pagano con la vita."Eravamo in 300 nel mio gruppo - confessa Sara - e solo in 12 siamo stati abbastanza fortunati da sopravvivere". Il governo minimizza ma ammette: è una piaga che va cancellata.

0 commenti