Vincenzo Patruno - Soffia Comare Borea (E meine cuma vorje)

vpatruno

per vpatruno

0
357 visualizzazioni
Un canto antico dell'alta murgia barese in cui si racconta del vento che rinfresca il mietitore durante il raccolto, diventa una storia d'amore che si perpetua e si rigenera nel tempo, tra padri e figli, tra nonni e nipoti che raccolgono l'eredità di chi li ha preceduti. Come il grano che ogni anno nasce, cresce e viene mietuto per poi rinascere nuovamente. Il brano "E meine cuma vorje" (trad. rielab. Vincenzo Patruno) fa parte di un progetto di ricerca e di raccolta di antichi brani popolari che nel 2010 hanno dato vita all'album "Quann i la stagion".
Soggetto e sceneggiatura: Vincenzo Patruno
Regia, Fotografia e montaggio: Gianluigi Bartolini.
Il brano "E meine cuma vorje" è cantato da Livia Di Giulio e Concetta Aquila

E MEINE CUMA VORJE/ SOFFIA, COMARE BOREA

E meine cuma Vorje/ E soffia, comare Borea
e meine cuma Vorje/ e soffia, comare Borea
e meine frèsca./ e soffia fresca

Meine pe addufreskeje/ Sofia per rinfrescare
meine pe addufreskeje/ soffia per rinfrescare
le metetéeeure./ i mietitori

Duffriscke le metetéeeeure/ Rinfresca i mietitori
duffriscke le metetéeeure/ rinfresca i mietitori
e lu leganda/ e il legante

Duffriscke l'ammore meie/ Rinfresca l'amore mio
duffriscke l'ammore meie/ rinfresca l'amore mio
ca vè nnanda/ che va davanti