A Parigi omaggio a Django Reinhardt, il 're' del jazz gitano. Una mostra ripercorre la vita del musicista belga

askanews

per askanews

870
111 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Parigi omaggia Django Reinhardt, il padre del jazz gitano. Una mostra ripercorre la vita del celebre chitarrista jazz belga e sarà aperta dal 6 ottobre fino al 23 gennaio alla Città della musica, nella capitale francese. Foto, cimeli e testimonianze multimediali ripercorrono la vita dell'artista dalla nascita in una roulotte fino ai successi in tutto il mondo. "E' stato un ragazzo di strada, ha suonato per i marciapiedi di Parigi, poi la roulotte della sua famiglia ha subito un incendio drammatico, ma lui non si è scoraggiato e ha ricominciato con la musica", dice Vincent Bessieres, autore dell'esposizione.Durante l'incendio alla roulotte, Reinhardt riportò gravi ustioni, tanto da perdere l'uso della gamba destra e di parte della mano sinistra. Nel 1930 scoprì il jazz venuto dagli Stati Uniti e con la violinista Stephane Grapelli fondò un duo. Il ragazzo venuto su dalla strada, che non sapeva nè leggere nè scrivere, inventò un nuovo genere musicale."E' una forma di jazz basato interamente su strumenti a corda. Fino allora, il jazz era centrato sulla batteria, sui sassofoni, la tromba e il clarinetto. Lui è stato il primo a suonarlo con la chitarra".Immagini: Afp

0 commenti