La guerra mette in ginocchio produzione del sapone di Aleppo. I produttori siriani in grande difficoltà

askanews

per askanews

900
183 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Aleppo, (TMNews) - Tra i danni collaterali della guerra fratricida che sta insanguinando la Siria, c'è anche un durissimo colpo alle tradizioni e all'economia locale.La produzione del celebre sapone di Aleppo, un sapone puro e biologico senza coloranti o additivi apprezzato in tutto il mondo, è in ginocchio. Basti pensare che delle 250 tonnellate che ogni anno vengono vendute al mercato locale, 150 sono rimaste nei magazzini perchè in pochi possono permettersi di comprare un prodotto così costoso con un conflitto in atto. Ma non vanno meglio le esportazioni."Noi vendevamo molto in Iraq e Iran, ma la situazione in questi paesi è complessa e quindi il mercato si è ristretto, anche in Francia abbiamo molti clienti ma con il conflitto in atto in Siria è molto difficile fare le spedizioni" spiega Juan Semo che porta avanti l'azienda di famiglia che dal 1850 produce il sapone di Aleppo.A complicare ulteriormente la situazione il difficile reperimento delle materie prime per la produzione. E, da ultimo, il bombardamento dell antico suk di Aleppo, dichiarato nel 1986 patrimonio dell umanità dall UNESCO, che ha distrutto moltissime botteghe mendando in polvere centinaia di chili di sapone.(immagini AFP)

0 commenti