Steven Amsterdam: in famiglia i supereroi di tutti i giorni. Incontro con l'autore di "Ritratto di famiglia con superpoteri"

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

878
30 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - La famiglia è una delle più classiche "scene del crimine" della letteratura di tutti i tempi, da Omero a Jonathan Franzen. E oggi Steven Amsterdan, scrittore newyorchese che ha però scelto da 10 anni di vivere in Australia, torna sul luogo del delitto, inserendo un interessante elemento soprannaturale. E così ecco il romanzo "Ritratto di famiglia con superpoteri", che esce in Italia per Isbn."Tutti nelle famiglie hanno segreti - ci ha detto lo scrittore a Milano - anche perché la famiglia è una cosa non naturale, con persone che sono obbligate a stare insieme. Io sono partito da questi aspetti". Fin qui tutto chiaro, ma la sorpresa del libro di Steve Amsterdam sono i poteri soprannaturali dei suoi personaggi, che li seguono attraverso una storia che copre diversi anni di vita."Se usi elementi soprannaturali - aggiunge Amsterdam - hai altre possibilità per raccontare una storia. Ci sono dei giorni un cui una persona sente che potrebbe volare e qui possiamo essere di fronte a una metafora, ma magari anche a una cosa che può diventare reale".La storia di Alek, Giordana, Ben e Natalie è intrigante e struggente al tempo stesso. E il riferimento alle proprie esperienze personali è in Amsterdam piuttosto curioso. "Non è la mia famiglia - ha concluso - ma sono diverse parti di me. Io sono il padre, la madre, il figlio bravo e quello cattivo. Per scrivere devi essere tutti loro e la cosa mi piace. Tra l'altro è più sicuro che scrivere di tua madre".

0 commenti