Marchionne: nessuno straniero verrà in aiuto dell'auto italiana. Il numero uno del Lingotto: governo ci aiuti a rimuovere zavorre

askanews

per askanews

847
22 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Torino (TMNews) - Nessun'impresa straniera è intenzionata a correre in aiuto della Fiat in Italia, lo ha detto l'amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, parlando all'assemblea dell'Unione degli industriali di Torino. La colpa, ha continuato Marchionne, è di quelle zavorre che ancorano il nostro paese al passato per rimuovere le quali il Governo dovrebbe fare la sua parte. La posizione del governo l'ha ribadita, invece, il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, collegata con Torino in videoconferenza.Quanto all'ipotesi di un ingresso in Italia della Volkswagen, Marchionne si è detto pronto ad accettare la presenza della Casa tedesca ma ha ribadito, a suo modo, che l'azienda italiana non è "terra di conquista".

0 commenti