Napoli, la "particella di Dio" si presenta all'Italia. Convegno-show sul Bosone di Higgs alla Città della scienza

askanews

per askanews

871
92 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Napoli (TMNews) - Il "big bang", un'immane esplosione di energia che dà origine alla materia e dalla materia nascono le rocce, i pianeti, la Terra, la vita. Tutto questo grazie a una micro-particella, il bosone di Higgs, capace di dare massa a tutte le altre. Del Bosone e della nascita dell'Universo si è parlato alla città della scienza di Napoli nel corso di un incontro-show, condotto da Patrizio Roversi, per spiegare ai non addetti ai lavori l'importanza delle ultime scoperte nel campo della fisica. Ospiti d'onore: Fabiola Gianotti e Guido Tonelli, i fisici italiani a capo degli esperimenti che hanno portato alla scoperta del bosone. "Per costruire e arrivare a osservare questa particella abbiamo dovuto sviluppare tecnologie nuove e spingere il limite della tecnologia al di là di quello che si conosceva e queste tecnologie ora sono ultilizzate nel campo della diagnostica medica, per trattare dei tumori. Quindi il bosone di Higgs ha già avuto un impatto nella nostra vita". "Ora noi siamo all'inizio di una nuova era di scoperte, il bosone di Higgs è forse la prima di una nuova serie di scoperte. E' difficile pensare a un immediato impatto sulla vita quotidiana ma sono sicuro che nei prossimi decenni si capirà meglio la rilevanza di quello che stiamo facendo"L'esistenza del bosone di Higgs, detto anche "particella di Dio" era stata teorizzata negli anni '60 dal fisico inglese Peter Higgs ma la sua esistenza è stata accertata solo nel 2012 grazie al Large Hadron Collider del Cern di Ginevra, il più grande acceleratore di particelle mai costruito.

0 commenti