Ruoppolo Teleacras - Inquinamento e inquisizione

Bestiacane

per Bestiacane

3,3K
34 725 visualizzazioni
Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 30 luglio 2011. Legambiente invita i cittadini a raccogliere l'acqua del mare a San Leone, a sospetto di inquinamento, affinche' poi l' Arpa la esamini. Incubo smog in zona Asi industriale.
Ecco il testo :
Ad Agrigento incombe un paradosso. La Provincia regionale ha attivato le centraline di rilevamento dell' inquinamento atmosferico. Gli esiti del monitoraggio sono pubblicati a scadenza mensile. Limiti oltre la media sono rilevati, ad esempio, a Monserrato e, nonostante cio', dopo il rilevamento e l'allarme manca un' altra entita' che intervenga per ricercare la causa dell' inquinamento e sopprimerla. Piu' semplicemente, e' come un vigile urbano che si accorge che 100 automobili sono tutte posteggiate in divieto di sosta, le conta, scrive quante sono, ma non le multa. Come ricorderete, lo scorso 25 luglio, la Sicedil dei fratelli Sodano a Monserrato e' stata costretta a convocare la stampa, insieme a Legambiente, per fugare ogni sospetto che sia lei, la Sicedil, a inquinare il quartiere. Poi, centraline di rilevamento del tasso di smog mancano del tutto nella zona industriale di Agrigento, anzi zona franca da ogni regola in materia, torre di babele tra impianti di scarico senza filtri e miasmi chimici che ammorbano l' intera contrada, che e' anche densamente popolata. Il tempo attuale e' anche annuvolato dalla sindrome, piu' o meno giustificata, dell' inquinamento nel mare di San Leone. Depuratore, sversamenti fognari, legali o abusivi, e tanti che si improvvisano analisti. Ascoltate l'ex sindaco Calogero Sodano...intervento Sodano...
Adesso Legambiente, in accordo con l'Arpa, l' Agenzia regionale per l'ambiente, lancia un appello alla collaborazione dei cittadini. In estrema sintesi : '' bagnanti e utenti del mare, quando sospettate che l'acqua sia inquinata allora raccoglietela subito in una bottiglia di plastica da 2 litri, poi consegnatela a noi di Legambiente, e noi consegneremo la bottiglia all' Arpa che, a causa di difficolta' burocratiche, non e' in grado di intervenire subito quando si denuncia il probabile inquinamento di un tratto di mare''...intervista Daniele Gucciardo.