Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Agrigento flagellata

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    1,6K
    34 138 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 10 marzo 2012.
    Agrigento preda di una bufera di vento. Le immagini dei danni tra il centro cittadino e la periferia. L' allerta meteo fino a domani. Stato di emergenza.
    Ecco il testo :
    Agrigento flagellata dal vento, avvolta da cicloni di tempesta, sollevata da trombe d'aria che corrono e si abbattono come cannonate. La citta' dei Templi, dalla sera di venerdi' 9 marzo, e lo sara', forse, fino a domani, domenica 11 marzo, e' assediata dalla bufera di Eolo, il dio dei venti. Ecco l' immagine emblematica che sara' ricordata a futura memoria come testimonianza di cio' che accaduto ad Agrigento quasi a ridosso delle Idi di marzo dell' anno 2012. Centro cittadino, piazza Vittorio Emanuele, innanzi alla Questura e al Palazzo di stampo fascista delle Poste. Un pino di enormi dimensioni ed un palo non hanno resistito allo scontro. Sono stati bombardati dalla furia del tornado che li ha letteralmente sradicati. Si', le radici sono state strappate dal marciapiede, e l'albero e il traliccio si sono accasciati al suolo, colpiti e affondati. La battaglia navale del vento non ha risparmiato altre zone. Missili da aria a terra sono stati lanciati qui, al Villaggio Mose', una gigantesca insegna pubblicitaria divelta e abbattuta...poi qui, ancora al Villaggio Mose', altri alberi bersaglio degli uragani, testimoni della rinomata pazzia del mese di marzo, davvero guerrigliero e bellico, e non a caso, sin dal tempo antico, marzo e' il mese di Marte, il dio della guerra. La telecamera e' impietosa, e vola anche lei, alla velocita' del vento, da un danno all'altro, tra via Gioeni e altrove... Ed altri saranno i danneggiamenti, sempre in evoluzione. Si' perche' ancora non e' tempo di quiete dopo la tempesta. L'allerta meteo, lanciata in tutta la Sicilia gia' ieri pomeriggio, prosegue. Protezione civile, Vigili del fuoco, Guardia Forestale in stato di emergenza. Ed anche il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, e' in strada, con gli operai, per rimediare.