Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - La scienza della marijuana

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,5K
    69 666 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 20 giugno 2009. Blitz dei Carabinieri. Un arresto a Campofranco. Sequestrato un laboratorio adibito alla coltivazione casalinga della canapa indiana, tra germogli e piante. (per il video in Alta qualità clicca su HQ in basso a destra dello schermo).
    Ecco il testo:
    Lo scienziato della canapa indiana. L' Archimede della marijuana. Il Pitagora della droga. L' Einstein della coltivazione degli stupefacenti. Ecco la fotografia in onda: un carabiniere con tanti bicchierini sul tavolo. Pensate che abbia preparato il caffè per tutta la Caserma? No. Dentro i bicchierini vi sono germogli della "cannabis indica" , che sarebbe il fumo tradotto dal latino. Poi vasetti con terriccio pronti per ospitare le radici dello stupefacente. Il tutto, poi, da trapiantare in una piantagione, prima della raccolta. Adesso, lui, presunto specialista nella produzione artigianale di stupefacenti, è in carcere. Ha 21 anni. E' un commerciante. Il suo nome è Cosimo. Il cognome è Caltabellotta, come il paese in provincia di Agrigento. Lui, però, è di Campofranco, in territorio di Caltanissetta. Pensate che per impegnarsi senza essere disturbato, Cosimo Caltabellotta si sarebbe ritirato, come un eremita, in un appartamento isolato, affittato appositamente ed impiegato come laboratorio. Poca luce e condizioni climatiche sotto controllo, per favorire la nascita delle piantine. La casa affittata da Caltabellotta è a Campofranco, in via Palmiro Togliatti, dove i Carabinieri lo hanno sorpreso in flagranza di reato. Ecco tutto cio che è stato sequestrato, poi ordinato quasi geometricamente sul tavolo dei Carabinieri. 39 bicchieri in plastica da caffe con dentro terriccio e germogli di canapa indiana. Poi 2 bottiglie in plastica tagliate verticalmente a metà contenenti cotone idrofilo di colore bianco con diversi semi e germogli, sempre di marijuana. Poi alcuni sottovasi per piante, con terriccio inumidito e triturato. Poi altri bicchieri già utilizzati per la germogliazione ed il trapianto su terreno.