Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Riflessioni di Cuffaro

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,5K
    34 452 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento dell' 11 gennaio 2012.
    "Sono andato a sbattere contro la mafia ma non l' ho voluto. Qualche errore l' ho fatto anche io" . Le ultime riflessioni Cuffaro, dopo 1 anno a Rebibbia.
    Ecco il testo :
    E' detenuto nel carcere romano di Rebibbia. Dal 22 gennaio del 2010. Eccolo nelle immagini registrate in occasione di una intervista concessa a Panorama. Salvatore Cuffaro adesso affida al settimanale del Centro Pio La Torre, " A sud' Europa", le prime riflessioni dopo un anno di detenzione. 12 mesi che sono stati prima "un tempo di sofferenza e di dolore non indifferente, adesso invece -- sono parole dell' ex Presidente della Regione - ho ritrovato la mia serenita', un mio equilibrio ''. L' amarezza di Cuffaro in carcere e' mitigata da un immenso affetto : "ho ricevuto e continuo a ricevere migliaia di lettere. Credo che adesso saranno quasi 6mila. A circa la meta' di loro ho risposto. Confido, con un po' di pazienza, di scrivere a tutti". E non solo gli amici, ma anche i familiari, che utilizzano le 4 ore di colloquio mensili incontrandolo un'ora ogni settimana. Cuffaro ricorda la recente visita del Papa a Rebibbia : "straordinario", poi il rapporto con gli altri detenuti : "qui siamo tutti uguali". Cuffaro ribadisce il suo "rispetto" verso la sentenza che lo ha condannato : "perche' frutto del lavoro delle istituzioni". E ammette di avere commesso degli sbagli : "sono andato a sbattere contro la mafia. Io ho la certezza di non averlo mai voluto. Ma qualche errore l'ho fatto anche io". Poi Cuffaro si sofferma su cio' che, spesso in modi dispregiativi, e' stato definito come il "Cuffarismo", il suo stretto rapporto con gli elettori, lui infatti come "Toto' vasa vasa". Cuffaro riflette : "so che questa e' stata una delle condizioni che piu' mi ha procurato problemi con la giustizia, ma non credo di aver sbagliato nello scegliere di essere il presidente della gente. Nessuno ha avuto difficolta' ad incontrarmi e a baciarmi. La politica non puo' solo essere il governo chiuso dentro le stanze dei palazzi. La politica e' anche la possibilita' di far sentire la gente parte di questo processo. So che mi ha fatto pagare un prezzo alto, ma lo rifarei. Pero' non mi propongo come esempio. Agli altri consiglio di guardare a esempi ben piu' lucidi e piu' belli della politica. A cominciare dal nostro presidente della Repubblica".