Ruoppolo Teleacras - Rolling stones alla Rupe Atenea

Bestiacane
657
34 499 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 18 agosto 2008. Alcuni massi franano dal costone roccioso della Rupe Atenea di Agrigento. Danni in via Minerva ( Per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo )
Ecco il testo:
E' il 7 novembre del 1995. La Rupe Atenea di Agrigento. Frane. Crolli. Cedimenti. Come oggi in via Minerva. Dal costone roccioso si distaccano massi di tufo, lo stesso materiale che gli antichi Greci hanno usato per costruire i Templi. La Rupe Atenea come la Valle dei Templi, testimonianza millenaria di resistenza alla furia corrosiva del tempo. Pero' attenzione, e' un principio della fisica: tutto si consuma. Ed allora, ecco la mano dell'uomo. I Templi sono stati blindati e restaurati. Anche alla Rupe Atenea, ecco altre immagini, alcune parti della montagna, le piu' minacciose, sono state ingabbiate, contro il pericolo dei crolli. Oggi, pero', 18 agosto 2008, il gigante di tufo si risveglia da un lungo sonno. Paura e panico tra i residenti della Via Minerva, arteria abitata, che insieme alla parallela, la via Diodoro Siculo, sale verso la cima della Rupe, dove durante la seconda guerra mondiale vi sono state ''Le Forche'', dove impiccavano o fucilavano i nemici ed i prigionieri. Ecco le immagini delle rovine. Il costone ha partorito alcuni massi, si e' spezzato il cordone ombelicale, e le pietre, figlie della montagna, sono rotolate giu'. Le pietre rotolanti, in inglese Rolling Stones, hanno, tra l'altro, danneggiato le cisterne d'acqua. I massi che si sono distaccati dal gigante di tufo sono atterrati, come marziani, a ridosso delle case. Un incontro ravvicinato, forse troppo, con gli abitanti della via Minerva, che impauriti hanno telefonato ai Vigili del Fuoco. Il sopralluogo, gli accertamenti, la prima stima dei danni, gli interventi, una provvisoria sicurezza. La zona e' stata transennata. Gli abitanti e l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Renato Buscaglia............

0 commenti