Advertising Console

    Noam Chomsky a Pavia: "La democrazia è sotto attacco". Il linguista ha inaugurato l'anno accademico dello IUSS

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    260 visualizzazioni
    Pavia (TMNews) - La democrazia è minacciata in tutto il mondo da parte di poteri privati che mirano a sovvertire i sistemi rappresentativi. Nonostante il tono pacato e professorale, le prese di posizione di Noam Chomsky, il linguista e analista politico di fama mondiale, sono quasi sempre esplosive. Il professore americano è intervenuto a Pavia all'inaugurazione dell'anno accademico dell'Istituto Universitario di Studi Superiori IUSS. "Negli ultimi 30-40 anni - ha spiegato ai cronisti - c'è stato un attacco molto serio alla democrazia in gran parte del mondo, da est a ovest. E questo attacco ha un nome: neo liberismo, che è essenzialmente un sistema per trasferire il potere dai soggetti elette democraticamente a entità private come le corporation".Chomsky allo IUSS ha tenuto una prolusione sul tema del linguaggio e dei limiti della comprensione, nella quale ha ricordato che ci sono cose che la scienza non può conoscere. Ma anche concetti il cui uso è stato talmente distorto da renderli sostanzialmente vuoti. "I principi elementari di democrazia, giustizia, uguaglianza - ha aggiunto l'84enne professore - non li capiamo fino in fondo e non ci rapportiamo con essi. Prendete una cosa semplice come la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, del 1948. Non c'è nessun Paese al mondo nel quale venga applicata davvero".Lo studioso, che ha parlato in un Aula Magna affollata di autorità e docenti, ha poi riservato una riflessione anche alla situazione dell'Italia e dell'Europa andando, come gli accade ormai dai tempi del Vietnam, controcorrente. "Non c'è una giustificazione economica - ha detto Noam Chomsky - per l'austerità i tempi di recessione. In questo modo si mina la crescita e la possibilità di superare la recessione stessa".