Abu Dabi: la maestosa moschea che fonde tutti gli stili islamici. Dedicato allo Sheikh Zayed, fondatore degli Emirati arabi uniti

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
239 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Abu Dabi (TMNews) - L'affascinate tradizione islamica d'Andalusia ad Abu Dabi si sposa con quella indiana e con lo sfarzo degli Emirati arabi. La moschea dedicata allo Sheikh Zayed con le sue 82 cupole è una delle più grandi del mondo e può ospitare oltre 40mila fedeli. L'entrata s'ispira al Taj Mahal mentre i minareti dell'interno fanno rivivere atmosfere andaluse."Se si vuole vivere da vicino l'esperienza dell'architetttura andalusa, farsi o fatimida non resta altro che guardarsi intorno negli spazi della moschea Zayed per abbracciarli tutti insieme".Costruita per volontà del fondatore degli Emirati arabi uniti di cui porta il nome, la mosche è stata interamente finanziata dallo Stato. Senza badare a spese per onorare il nome e la parola di Allah, che per i musulmani è Iddio stesso, Unico, Clemente e Misericordioso.Calligrafie turche, marmi italiani, cristalli di Boemia, ovunque si posi lo sguardo s'incontrano capolavori di arte religiosa. Come questo tappeto da preghiera, il più grande del mondo, tessuto a mano da 1200 artigiani di speduti villaggi iraniani.La moschea Zayed può essere visitata anche da non musulmani purché venga tutelata la sensibilità spirituale e culturale dei credenti islamici. Le donne, per esempio, devono indossare l'hijab e l'abaya, gli abiti delle donne musulmane degli Stati del Golfo.La crisi economica mondiale non sembra fermare il fervore architettonico islamico. Un'altra moschea intitolata allo Sheikh Zayed, ancora più grande di quella di Abu Dabi, è in costruzione nell'emirato di Fujairah. Forse non è un caso. Di fronte al fallimento dei templi occidentali, le banche della finanza internazionale, i musulmani forse ritengono sia meglio affidarsi al Misericordioso. (immagini Afp)

0 commenti