Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

SICILIA TV (Favara) Omicidio Alfano: chiusura indagini Rotolo

5 anni fa184 views

E' passato dall'isolamento a vita comune con altri detenuti Salvatore Rotolo, 38 anni, arrestato il 16 giugno con l'accusa di omicidio, incendio, frode processuale e distruzione di cadavere. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe ucciso la compagna Antonella Alfano di quattro anni più giovane, il cui cadavere carbonizzato è stato trovato il 5 febbraio scorso nella sua auto in un boschetto appena fuori Agrigento. Rotolo per il quale la Procura della Repubblica di Agrigento ha notificato l'avviso di chiusura delle indagini preliminari a suo carico, ha passato il primo periodo di detenzione in totale isolamento. Per lui nemmeno l'aria in comune. Una forma di tutela nei confronti di un carabiniere, ritenuto un ottimo professionista da colleghi e superiori, che si è distinto in operazioni brillanti e che tra le altre cose ha partecipato alle operazioni di cattura di Gerlandino Messina. Il carabiniere ha anche scritto una lettera che ha inviato ai suoi avvocati, Neri e Pennica. Nella missiva fa cenno alle sue condizioni di salute e chiede ai suoi legali di rassicurare i propri cari. "Le prime due settimane di carcere per me sono volate - avrebbe scritto Rotolo -- adesso però la situazione è cambiata negli ultimi giorni mi sono trovato a fare la cosiddetta aria con altri detenuti, molti di loro extracomunitari. Secondo quanto avrebbe raccontato, pare che alcuni lo abbiano avvicinato per presentasi stringendogli la mano. "Non capisco per quale ragione uno di questi mi ha detto di essere dentro perchè ha ucciso un carabiniere" racconta Rotolo. Neri e Pennica hanno inviato la lettera alla Procura e per conoscenza anche all'Arma dei Carabinieri. Il passaggio a vita comune, per Rotolo pare non sia affatto facile, in passato Neri e Pennica, avevano chiesto al giudice il trasferimento in un carcere militare, l'unico in Italia a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Oggi Rotolo è costretto a condividere la cella con altri detenuti. Nelle chiusura delle indagini nei suoi confronti, la Procura ha generato un fascicolo a carico di ignoti, si cerca ancora il suo complice.