Advertising Console

    SICILIA TV (Favara) Crollo palazzina Lo Jacono ad Agrigento

    Riposta
    siciliatv

    per siciliatv

    40
    11 visualizzazioni
    Ennesimo crollo nel centro storico di Agrigento, a venire giù lo storico e disabitato Palazzo Lo Jacono, fortunatamente non ci sono stati feriti, tre le famiglie sfollate. La Procura della Repubblica di Agrigento avrebbe aperto un fascicolo d'inchiesta. Il Sindaco Marco Zambuto sul posto ha rischiato l'aggressione dei residenti, intanto per oggi la Giunta Municipale della Città dei Templi si riunisce a Palermo, in una seduta straordinaria, urgente e permanente, dinanzi Palazzo D'Orleans. "Non possiamo assistere impotenti al progressivo sgretolamento del centro storico cittadino e della sua Cattedrale, ha detto Zambuto. La Regione ci deve aiutare e ci devono essere restituite almeno in parte le somme, circa 40 miliardi delle vecchie lire, che già stanziati per il recupero del centro storico cittadino, per colpevoli distrazioni sono andati in perenzione". E' stata una strage evitata quella di ieri mattina, se il collasso del settecentesco edificio anziché alle 5:30 si fosse verificato durante la processione del Venerdì Santo, probabilmente il bilancio delle persone coinvolte sarebbe stato grave. Infatti l'area del crollo individuata tra le vie Santa Maria dei Greci e San Vincenzo proprio venerdì è stata interessata dalla processione. Assordante il boato che ha salutato la pasquetta dei residenti. Sul posto tempestivi i soccorsi, Forze dell'Ordine, Vigili del Fuoco e volontari del locale dipartimento di protezione civile subito al lavoro tra le macerie per verificare il non coinvolgimento di persone nel crollo. Subito dopo per ragioni di sicurezza l'intera area è stata messa in sicurezza, fatti allontanare dalle proprie abitazioni anche tre nuclei familiari abitanti in case adiacenti al Palazzo Lo Jacono, per loro il Comune ha messo a disposizione un tetto presso strutture ricettive cittadine. In via San Vincenzo nella tarda mattinata di ieri era giunto anche il Sindaco di Agrigento Marco Zambuto. Quest'ultimo però ha dovuto fare i conti con la rabbia dei residenti, che oltre a contestare lo stesso primo cittadino hanno cercato anche di aggredirlo, il tempestivo intervento delle forze dell'ordine, hanno permesso al Sindaco di allontanarsi dalla zona. Il palazzo crollato ieri che per la sua pregevole facciata barocca era sottoposto a vincoli architettonici, a causa di profonde lesioni strutturali, nel mese di marzo 2010 era stato sottoposto ad un'opera di contenimento statico, adesso ci sarà da stabilire se la struttura metallica realizzata l'anno scorso abbia una relazione con il crollo di ieri. E sulla decisione del Sindaco di Agrigento Marco Zambuto di convocare la Giunta a Palermo interviene in una nota il Governatore dell'Isola Raffaele Lombardo. "E' una scelta sbagliata e intempestiva -- scrive Lombardo - sarà una manifestazione estemporanea che non ha alcun fondamento. Per dialogare di temi concreti e urgenti con il governo della Regione basta chiamare, chiedere un incontro e presentarsi con progetti fattibili e immediatamente cantierabili".