Nigeria, nella scuola per aiutare le giovani ripudiate. Dove la miseria non permette alle famiglie accogliere le figlie

askanews

per askanews

871
49 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Cucito, tintura, la realizzazione di accessori. Sono circa 150 le giovani donne che imparano un mestiere in questa scuola di Kaduna, città del nord della Nigeria. La maggior parte sono mogli abbandonate dai loro mariti, o che hanno lasciato il tetto coniugale per scampare ad una condizione estrema. A 17 anni, Bilkisou, madre di una bambina è fuggita da un marito violento: "Ero incinta e mi picchiava. Sono andata da mio padre ma lui mi ha rimandato indietro". Nel nord della Nigeria, le ragazze vengono fatte sposare ancora minorenni. La sharia islamica, permette al maschio di ripudiarle quando vuole: ma il 60% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno, e le famiglie di origine non possono permettersi di accogliere nuovamente le ragazze ripudiate. Cinque anni fa, Saratu Aliyu, ha fondato questo centro di formazione. Per dare una seconda possibilità alle ragazze madri: "Alcune di loro cadono nelle mani sbagliate e finiscono per fare le prostitute. Quando hai bisogno di soldi, fai di tutto". A 12 anni, Mansura fu data in sposa ad un'anziano che aveva già due mogli. Fuggita da casa, Ora prende lezioni di cucito. "Le donne istruite hanno più dignità e così posso essere indipendente". In una società molto patriarcale, l'istruzione rimane ancora la arma migliore per una donna per prevenire gli abusi e garantire il futuro dei figli. (Immagini Afp)

0 commenti