Advertising Console

    Vittorio Teresi sono stato io

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,5K
    33 981 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( https://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538 ).
    Vittorio Teresi contro il tiro al bersaglio a Francesco Messineo. "Sono io il responsabile della scelta di non rinviare il blitz Nuova Cupola e vi spiego il perche' ".
    Francesco Messineo in cuffia ha ascoltato Leo Sutera intercettato. E Vittorio Teresi ha atteso fino a lunedi' scorso, 25 giugno, elementi convincenti dagli investigatori per convincersi che sarebbe stato davvero opportuno ritardare il blitz Nuova Cupola per non pregiudicare l'eventuale arresto di Matteo Messina Denaro. A Leo Sutera, boss di Sambuca di Sicilia, Matteo Messina Denaro avrebbe affidato il compito di ricercargli un referente affidabile a Palermo. E Sutera avrebbe intrapreso dei contatti, che, forse, indagando ancora, sarebbero stati svelati. E invece il Procuratore aggiunto si e' convinto del contrario, e ha ordinato lui la retata all'alba del giorno dopo, martedi' 26 giugno. E adesso Teresi, titolare delle indagini di stampo mafioso in provincia di Agrigento, se ne assume per intero la responsabilita' e grida no, no e no al tiro al piattello contro il Procuratore capo, Francesco Messineo. Vittorio Teresi ribatte : " io ho una delega piena e sono l'unico responsabile della scelta. Ho seguito gli sviluppi delle indagini dei colleghi che si occupano della mafia di Trapani, sempre non ostacolando l'inchiesta sulla ricerca di Messina Denaro. Per mesi abbiamo riservato campo libero assoluto alle indagini su Messina Denaro anche quando in qualche modo avevano ripercussioni sul territorio agrigentino. L'informativa dell' inchiesta Nuova Cupola e' di 9 mesi addietro. Il blitz non e' stato piu' rinviabile perche' vi e' stato il pericolo di fuga e per i gravi indizi criminosi. E poi si deve anche tenere in considerazione l'aspettativa di sicurezza della gente. Sono stato io ad impuntarmi con Messineo, dopo avere bilanciato gli interessi in gioco, e dopo avere ritenuto che le altre indagini dei colleghi non fossero ad un punto tale da prospettare concretamente la possibile cattura di Matteo Messina Denaro. Non una operazione azzardata, ma lo studio di tutte le conseguenze possibili" -- conclude Teresi.