SICILIA TV (Favara) Putrone si autosospende dal PDL. Interventi di Bosco, Fontana e Iacolino

siciliatv

per siciliatv

25
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
La presa di distanza del coordinatore provinciale del PDL On. Nino Bosco dal sindaco Marco Zambuto, ha provocato delle reazioni anche interne al partito stesso. Infatti Giuseppe Putrone, già nominato assessore nell'aprile 2010, esponente del PDL si è autosospeso dal partito. "Sono diventato Assessore comunale perché il PDL mi ha designato, dice Putrone, avendo raccolto l'invito del Sindaco rivolto a tutte le forze politiche, per collaborare fattivamente alla soluzione dei gravi problemi cittadini.

Ora il coordinatore Bosco, senza sentirmi, continua Putrone, non solo ha rotto col Sindaco Zambuto, ma, di fatto, ha censurato il mio operato, nonostante il mio impegno ed i risultati ottenuti, ampiamente riconosciuti anche da altre forze politiche. Questo, continua, non lo posso accettare e constato però che nessun altro è intervenuto in questa vicenda. Pertanto, conclude Putrone, mi autosospendo dal PDL e dichiaro sin d'ora di continuare a lavorare per la città e per la rielezione del Sindaco Marco Zambuto che, per il suo lavoro, il suo continuo impegno e la sua grande onestà, merita la fiducia degli agrigentini." E sulla questione intervengono gli On. Nino Bosco e Vincenzo Fontana. "Quando il sindaco Marco Zambuto dichiara che la città è stata fortemente umiliata e delusa dal Pdl che in questi anni ha solo alimentato le attese e le speranze e che per questo ha escluso dalla giunta la rappresentanza del Pdl, da bravo prestigiatore della parola quale egli è, dicono gli Onorevoli Bosco e Fontana, sa bene di potere tentare di fare breccia su chi lo segue attraverso You Tube fuori Agrigento, ma non sui suoi concittadini che sanno molto bene come stanno le cose". "Oggi Zambuto, scrivono, è solo alla ricerca di sponsors per la sua ricandidatura e cerca di superare le sue difficoltà e l'isolamento alzando la polemica con il Pdl e i suoi uomini. Il Pdl ha dato all'amministrazione comunale, basta richiamare l'impegno dell'on. Alfano quando ha scongiurato la chiusura dell'Ospedale San Giovanni Di Dio". Non possiamo esimerci dal ricordare come a volte sia stato difficile anche ottenere una lettera da parte degli uffici di Palazzo dei Giganti per potere utilizzare dei finanziamenti giacenti nelle stesse casse comunali. Per quanto riguarda l'autospensione di Putrone, Bosco afferma: "Il partito certamente risentirà tanto dell'apporto elettorale e della coerenza dell'amico Putrone. Dinnanzi alla decisione del sindaco, l'assessore Putrone avrebbe dovuto scegliere tra la coerenza e la poltrona. Mi pare che la scelta di quest'ultimo si commenti da sola". Sulla questione Zambuto, interviene anche l'europarlamentare Salvatore Iacolino. Il sindaco di Agrigento, dice Iacolino, quando ritiene di scagliare le incertezze del suo orizzonte politico sul Segretario Nazionale del PDL - per allontanare le attenzioni della gente della nostra città dalle oggettivamente riconosciute inefficienze della sua amministrazione - compie due errori politici. Il primo é quello di separare definitivamente il suo percorso politico da quello di un possibile modello del Partito Popolare Europeo dentro il quale vi é con il PDL proprio l'UDC dove - al momento - egli dichiara di militare. Il secondo, dice Iacolino, riguarda la singolare quanto imperdonabile coincidenza "fattuale" della ripresa "bellica" dello stesso Sindaco con lo "sfilarsi" di ex militanti del PDL "folgorati" dai grandi risultati ottenuti da una Amministrazione che in questi 4 anni si é distinta per la perenne trasformazione. Continuo ad attendere, in ogni caso, il Sindaco di Agrigento a Bruxelles - dove ieri abbiamo incontrato funzionari della Banca Europea degli Investimenti con il Sindaco di Favara e l'Amministrazione del Comune di Canicattì - e dove avrebbe dovuto esserci lo stesso Sindaco di Agrigento già nel giugno del 2011. Auguro al Sindaco di Agrigento, conclude Iacolino, buona fortuna, così come auguro le migliori fortune a chi - rimanendo incollato alla poltrona dichiarando di sostenere il Sindaco che non più tardi di sabato scorso aveva annunciato di cacciarlo dalla Giunta - ha saputo dimostrare, meglio di ogni altra parola o gesto, quanto é in lui alto e profondo il valore dell'amicizia

0 commenti