Advertising Console

    SICILIA TV (Favara) Arresti a Palma. Sfruttamento immigrazione clandestina

    Riposta
    siciliatv

    per siciliatv

    41
    189 visualizzazioni
    Un centinaio di extracomunitari sono stati trovati all'interno di un casolare di Cala Vicinzina nei pressi del castello medievale di Palma di Montechiaro. Avevano da poco messo piedi sulle coste agrigentine. Il tutto era gestita da una banda che e' stata sgominata nella notte. 7 gli arresti, tra questi 4 palmesi e 3 extracomunitari. Il Blitz e' scattato ancora una volta grazie ad una intercettazione telefonica in cui due degli indagati parlavano dello sbarco che si sarebbe verificato da qui a poche ore. Durante l'irruzione degli agenti diversi clandestini sono riusciti a scappare nelle campagne. Il casolare è di proprietà dell'ex sindaco di Palma, Rosario Gallo, che si dice del tutto all'oscura della vicenda. All'interno del casolare, e' scoppiata una sommossa sedata a fatica dai poliziotti. Un agente e' stato ferito alla testa da un oggetto contundente ed è stato medicato al pronto soccorso dell'ospedale di Licata con una decina di punti di sutura. Il casolare era tenuto d'occhio dai poliziotti da giorni, in quanto ritenuto la base logistica della banda, che l'utilizzava come punto di approdo. Poi su due furgoni a piccoli gruppi gli immigrati venivano smistati in tutta la Penisola. Per quattro componenti della banda l'arresto è avvenuto in flagranza, infatti sono stati bloccati mentre a bordo dei due furgoni stavano già trasferendo i primi clandestini. Secondo l'inchiesta della Procura, coordinata dal sostituto procuratore Giacomo Forte e dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, ci sarebbero stati diversi altri sbarchi di clandestini sul litorale di Palma grazie alla base operativa creata sulla terraferma dal gruppo di italiani. Gli immigrati fermati sono tutti di nazionalità magrebina, molti dei quali minori. Gli agrigentini arrestati stanotte, con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina sono Luigi Falco di 59 anni; Gioacchino Mario Vitello di 48 anni; Gioacchino Arcadipane di 46 anni e Salvatore Vitello di 34 anni, tutti di palma. Per i reati di lesione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, sono stati, invece, arrestati: Ahmed Rabie Ahmed Zoura, egiziano, di 24 anni; Hecam Mohmed Elkaosma, palestinese di 34 anni; e Mhmoed Saed Calel, palestinese di 26 anni.