Advertising Console

    Don DeLillo, il leggendario scrittore che diffida dei media. Lo schivo autore americano al festival Collisioni di Barolo

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    114 visualizzazioni
    Barolo (TMNews) - Era, insieme a Bob Dylan, l'ospite più atteso al festival di letteratura e musica Collisioni, che va in scena a Barolo, nelle Langhe. E per vedere Don DeLillo, il leggendario scrittore americano autore di "Underworld" e "Cosmopolis", centinaia di persone sono accorse nel borgo cuneese. DeLillo, sul palco insieme ad Antonio Scurati, ha però confermato la propria scelta anti-mediatica, e ha chiesto di non essere fotografato né ripreso in video. E così, come spesso accade nelle trame dei suoi romanzi, lo scrittore si è mosso nascosto tra la folla, quasi fosse una di quelle correnti segrete che alimentano il suo mondo intellettuale. Don DeLillo c'è, e si racconta, ma solo per il pubblico della piazza blu di Collisioni, che lo ha ascoltato con attenzione raccontare di Guerra Fredda e assassinio di Kennedy, eventi tossici aerei e soffocamento tecnologico. Lo stesso, forse, che lo porta a diffidare fortemente dei media. Quale che sia la risposta, comunque, di un autore è giusto che contino le opere e una compagnia torinese ha pertanto recitato un brano della commedia teatrale di DeLillo "Valparaiso".