Advertising Console

    Nuoto: VIRATA VELOCE BAVARO - Conferenza stampa

    VED Tv

    per VED Tv

    14
    1 361 visualizzazioni
    Al Cus Napoli, promosso dall’Università di Scienze motorie e dal Panathlon napoletano, è stata lanciata la «nuova virata veloce» a stile libero, studio messo a punto da Salvatore Bavaro, professore ed ex nuotatore. Un anno di lavoro che ha coinvolto anche le conoscenze tecniche, scientifiche ed ortopediche di professori di fisica applicata e del Politecnico. Una virata diversa, davvero innovativa, è possibile? L’idea promossa, ha preso ispirazione dal salto Fosbory per essere applicato al nuoto: operazione tutt’altro che facile visto che la resistenza dell’acqua è circa mille volte superiore a quella dell’aria. Già negli anni 70-80, il tecnico James Counsilman metteva in evidenza — sostiene una nota diffusa — la necessità di cambiare modo di virata a capriola. «Da 40 anni – si legge — non è comprensibile che la virata rimasse invariata, nonostante la grande evoluzione, dalle partenze ai cambi nelle nuotate. Con la nuova virata vedremo come cambieranno le prestazioni, visto che la virata è il gesto atletico più importante della nuotata anche il più dispendioso.

    Quali saranno i vantaggi? Ecco un decalogo

    1) Impegnato il 50% dei muscoli

    2) Il push-off sarà molto più veloce e compresso

    3) Utilizzato il dorsale lungo, muscolo potente che nella virata tradizionale non viene usato

    4) Il muro non diventa un ostacolo ma un aiuto per la ripresa della nuotata

    5) Possibilità di respirare in virata

    6) Strategia di gara vincente.

    7) Vantaggio: circa %2 secondo in meno rispetto alla virata attuale