Spazio, trovata acqua liquida sotto la superficie di Titano. La scoperta è di un team di scienziati guidati da un italiano

askanews

per askanews

885
175 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - Sotto la superficie ghiacciata di Titano, una delle lune di Saturno, c'è un oceano di acqua liquida, e dove c'è acqua è molto possibile che ci sia anche la vita. E' la conclusione alla quale è giunto un team di scienziati della Nasa, dell'Esa, (l'Agenzia spaziale europea) e dell'Asi (l'Agenzia spaziale Italiana), coordinato da Luciano Iess, del dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale dell'Università La Sapienza di Roma. Lo studio, pubblicato dalla rivista Science, si basa sui dati forniti dalla sonda Cassini-Huygens.Gli scienziati hanno osservato che nella sua rotazione intorno a Saturno, Titano è soggetta a delle deformazioni: in pratica si allunga come un pallone da rugby. Queste deformazioni elastiche possono superare anche i 10 metri di altezza, segno che Titano non è costituita solo da materiale solido come ghiaccio e rocce ma il suo interno, sotto una crosta ghiacciata spessa circa 50 km, cela un oceano profondo almeno 250 km, soggetto alle maree come il mare terrestre. Certo, l'acqua liquida non implica automaticamente la presenza di vita. Le ricerche suggeriscono che questa si sviluppa con maggiore probabilità nei luoghi in cui l acqua liquida è in contatto con la roccia e ancora non si è in grado di sapere se il fondale oceanico di Titano sia di roccia o ghiaccio. Tuttavia la scoperta suggerisce affascinanti suggestioni sulla possibilità dell'esistenza di forme di vita, anche elementari, extraterrestri.

0 commenti