Il paradosso di Palm Springs: campi da golf nel deserto. Spreco d'acqua che mette a rischio l'ambiente

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
42 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Palm Springs, (TMNews) - Viali sontuosi, piscine, palme: Palm Springs è un'oasi nel mezzo del deserto californiano. Il rifugio preferito per le vacanze dai divi di Hollywood deve tutto ad un bacino acquifero sotterraneo e al fiume Colorado che riforniscono tutta la valle."Ci sono degli acquedotti che attraversano queste montagne attraverso questo canyon e portano l'acqua fino a qui". David Anderson, che si occupa delle riserve acquifere della zona spiega il viaggio che ogni goccia compie per rifornire Palm Springs e permetterle di rinfrescarsi dalle temperature roventi con decine di fontane e palme. Per non parlare dei 130 campi da golf, tutti con sterminati campi d'erba da annaffiare. E infatti in città ogni abitante consuma 1.300 litri d'acqua al giorno. Una cifra due volte superiore al resto degli Stati Uniti. Noah Garrison, combatte lo spreco in una Ong ambientalista."Il paesaggio nella California del Sud non ha alcun senso per il suo clima. Siamo nel deserto e spendiamo moltissimo denaro per mantenere campi da golf".L'anno scorso alcuni dei proprietari di questi resort hanno cominciato ad innaffiare l'erba con l'acqua riciclata, un piccolo passo contro lo spreco.

0 commenti