Advertising Console

    Crisi, Squinzi: o ci salviamo tutti o non si salva nessuno. "I tedeschi devono fidarsi, non possono far saltare l'Euro"

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    19 visualizzazioni
    Milano (TMNews) - "O ci salviamo tutti o non si salva nessuno", è il pensiero del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi intervenuto a Milano a un convegno dei Cavalieri del lavoro su "crescita e debito pubblico". Il numero uno di viale dell'Astronomia ha auspicato un atteggiamento responsabile dei tedeschi nei confronti degli altri partner dell'Eurozona."Devono fidarsi - ha spiegato - perché non possono far saltare l'Euro e l'Europa perché se questo succedesse non so a chi potrebbero vendere i loro prodotti con una moneta che si apprezzerebbe in maniera disastrosa per loro".A fargli eco il presidente nazionale dei Cavalieri del Lavoro, Benito Benedini: "Il rapporto tra noi e la Germania - ha spigato - non è così deficitario come talvolta i media mostrano. Siamo alla pari con la Germania, anzi se facciamo un rapporto del debito privato, dell'insieme di tutto, italiano rispetto a quello della Germania, siamo migliori".Sul tema della crescita, Squinzi ha ribadito la sua valutazione in complesso positiva sul "decreto sviluppo", pur con qualche perplessità residua."La stesura non è di facile comprensione - ha detto - penso che alla fine ci siano dei provvedimenti che vanno nella direzione giusta, sono un po' deluso per la ricerca ma penso che il ministro Passera troverà il modo di dare una mano in quella direzione".