Papà, mamme e 20 figli: il boom demografico spaventa il Pakistan. Autorità divise fra controllo nascite e cultura islamica

askanews

per askanews

848
19 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Rawalpindi, (TMNews) - Per primo è arrivato Tazeh-gul, poi Hematullah, Soraya, e tanti altri. In tutto un padre, due mamme e ben venti figli. "Certe volte mi scordo i nomi e chiedo aiuto", scherza il capo di questa famiglia pakistana. Situazioni del genere sono abbastanza comuni in Pakistan e le autorità del paese sono molto preoccupate dal boom demografico. Con oltre 180 milioni di persone il Pakistan è oggi il sesto paese più popolato del mondo. "Considero quello della crescita della popolazione la più grande emergenza del Paese" spiega un responsabile del dipartimento del Welfare secondo il quale non si sta facendo abbastanza. "Mancano le risorse" spiega e manca un piano per il controllo delle nascite. A complicare le cose c'è anche la cultura dominante. In molti vedono il controllo delle nascite come anti-islamico. "Non è permesso in Islam limitare le nascite. Perchè i musulmani si dovrebbero preoccupare della popolazione quando è dio che si occuperà di tutti?". Oggi in Pakistan l'uso dei contraccettivi è estremamente ridotto. La popolazione dovrebbe raddoppiare entro quaranta anni. Per molti la situazione rischia di "esplodere"

0 commenti