Sorgenia, una nuova centrale elettrica per competere in Europa. Inaugurato l'impianto nel Lodigiano alla presenza di Clini

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
49 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Turano, Lodi (TMNews) - Una centrale elettrica di nuova generazione per competere in Europa, sia a livello tecnologico sia a livello ambientale. Sono queste le ambizioni di Sorgenia per il nuovo impianto a ciclo combinato inaugurato a Bertonico-Turano, nel Lodigiano. Sul palco anche il presidente della società Rodolfo De Benedetti. "Questo, per noi di Sorgenia - ha detto alla platea - è un giorno molto importante. Questi investimenti completano il percorso di investimenti nel termoelettrico che dal primo giorno Sorgenia si era posta l'obiettivo di realizzare".Le innovazioni tecnologiche sono una caratteristica della centrale, che, come spiega l'amministratore delegato di Sorgenia, Massimo Orlandi, si rivolge anche al Paese. "Adesso - ha detto l'ingegnere - dobbiamo lavorare affinché queste caratteristiche di basso costo e bassissimo inquinamento portino dell'utile anche al Paese". "Credo che una delle caratteristiche di questa centrale - ha aggiunto De Benedetti - è che è stata realizzata interamente da aziende italiane".Presente alla cerimonia di taglio del nastro anche il ministro dell'Ambiente Corrado Clini."Una centrale - ha spiegato - che è nella prospettiva della strategia europea per la riduzione dell'intensità di carbonio e l'aumento della competitività". L'impianto di Sorgenia ha una potenza di 800 MegaWatt ed è costato complessivamente 450 milioni di euro.

0 commenti