"1917", l'anno terribile nella storia e nell'arte. Una mostra con Picasso e Brancusi al Centre Pompidou di Metz

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

878
178 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, 27 mag. (TMNews) - L'anno 1917 nella storia e nell'arte. Un anno terribile, tra i più sanguinosi della Grande Guerra. Ma anche un momento di grande espressione artistica con Picasso, Brancusi, Vallotton e molti altri. E' tutto finito in una mostra multidisciplinare al Centre Pompidou di Metz, in Francia. Dove accanto alle opere pittoriche si vedono i primi carriarmati o migliaia di bossoli di obici trasformati in qualcos'altro dalla creatività dell'uomo. Il direttore del museo: "E' l'anno dell'entrata in guerra degli Stati Uniti, della rivoluzione russa e dei conflitti sociali. E malgrado questwe tragedie, i 350 artisti di questa esposizione ci mostrano il mondo da un'altra prospettiva portandoci verso un'altrove". Per la prima volta un grande conflitto è documentato dai fotografi. Spazio quindi all'immaginazione per gli artisti che non devono necessariamente raccontare la realtà. Pablo Picasso accoglie il visitatore con una Natura Morta cubista, affiancata da un rappresentazione figurativa di soldati in marcia. Poi ancora il Picasso di "Parade", "la Principessa X" di Brancusi e Vallotton, con la tragica battaglia di "Verdun".(iimmagini Afp)

0 commenti