Advertising Console

    Facebook male in Borsa, "Tempesta perfetta, ma potenziale resta". Parla un analista: non hanno fatto nulla di sbagliato

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    40 visualizzazioni
    New York (TMNews) - Il tanto atteso debutto di Facebook a Wall Street si sta trasformando in un incubo, con il titolo che perde il 9% e molti milioni di dollari che vanno rapidamente in fumo. Ma secondo Lou Kerner, analista e fondatore del Social Internet Fund, le potenzialità di mercato di Facebook restano invariate. "Non credo - spiega - che abbiano fatto qualcosa di sbagliato. Quello che emerge davvero è invece la difficoltà di stabilire un prezzo per le Ipo".A pesare, secondo i commenti della stampa, la revisione al ribasso delle stime sui ricavi del social network da parte di Morgan Stanley, Goldman Sachs e JPMorgan, le banche che hanno curato il collocamento. "E stata una tempesta perfetta - aggiunge Kerner, che più che sulle banche si concentra sugli imprevedibili umori degli investitori - Prima della collocazione c'erano così tanti ordini che il Nasdaq non riusciva a gestire e le grandi concessionarie di pubblicità puntavano Su Facebook. Poi Morgan Stanley ha abbassato le proprie previsioni... Ci sono state troppe situazioni contemporanee e questo ha influito negativamente sulla Ipo".L'analista, comunque, resta ottimista e prevede che tra sei o dodici mesi questo clamore dei primi giorni sarà ricordato solo come un rumore di fondo.