Palermo - Scoperta maxi frode fiscale nel settore autotrasporti (18.05.12)

Try Our New Player
Pupia

by Pupia

637
30 views
  • About
  • Export
  • Add to
http://www.pupia.tv - Palermo - Scoperta maxi frode fiscale nel settore autotrasporti. La Procura della Repubblica di Palermo - Dipartimento Mafia Economia - sulla base di gravi e convergenti evidenze investigative acquisite da parte del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo nei confronti di un professionista palermitano, individuato quale ideatore di un'articolata frode fiscale, decideva di avviare un'indagine di più ampio respiro su una serie di cooperative, a lui direttamente o indirettamente riconducibili.

Prendendo quindi le mosse dagli esiti di una prima verifica già conclusa nei confronti di una società, con sede in Palermo, di fatto attiva fino al primo semestre 2006, si procedeva all'ispezione contabile di altre 6 cooperative, di cui 3 operative fin dal 2005 e le rimanenti costituite alla fine del 2008.

Tali aziende hanno operato, in tempi diversi ed in attuazione di un medesimo disegno criminoso, dal 2005 ad oggi, prevalentemente in Sicilia (soprattutto nelle province di Palermo, Trapani, Messina, Siracusa e Catania), ma anche in Calabria, Toscana (nel porto di Livorno), Abruzzo e Puglia.

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, sotto il coordinamento della D.D.A. di Palermo, ha quindi programmato ed eseguito un articolato piano operativo su una serie di imprese affidatarie dei servizi di consegna delle merci dai più importanti centri distributivi della zona alle catene di supermercati, ai centri commerciali ed agli altri venditori al dettaglio, nonché delle consegne di pacchi ai destinatari finali per conto di primari corrieri nazionali.

Gli approfondimenti investigativi, confluiti nell'operazione "Dark Truck", durati diversi mesi e condotti attraverso numerosissimi controlli presso clienti finali, escussione in atti di centinaia di persone ed articolate indagini finanziarie, hanno permesso di fare emergere un sistema di frode particolarmente insidioso in quanto tutte le cooperative verificate sono risultate vere e proprie imprese "criminali", costituite al solo fine di commettere illeciti a beneficio dei loro committenti, operando quali soggetti economici fraudolentemente interposti nella filiera commerciale.

Le cooperative, infatti, sono state create al solo scopo di fornire uno schermo giuridico a numerosi autotrasportatori, spesso privi dei requisiti di onorabilità e professionalità necessari per l'iscrizione all'albo nazionale dell'autotrasporto, i quali, una volta associatisi e conferito cartolarmente il mezzo alla cooperativa, continuavano ad operare in piena autonomia, ma in forma del tutto occulta, essendo inquadrati come lavoratori dipendenti (facchini, autisti)....... (18.05.12) 

0 comments