Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

Roma - Conferenza stampa Consiglio dei Ministri n.28 - Mezzogiorno (11.05.12)

6 anni fa13 views

Pupia

Pupia

http://www.pupia.tv - Roma - Conferenza stampa Consiglio dei Ministri n.28. Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi alle ore 11,30 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Mario Monti.

Segretario il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Antonio Catricalà.

Razionalizzare, semplificare, rendere trasparenti e migliorare la qualità dei contributi pubblici destinati all'Editoria, tenendo conto di tre esigenze:

1. Contribuire al conseguimento del pareggio di bilancio pubblico;

2. Indirizzare le imprese verso l'innovazione e verso comportamenti aziendali coerenti con la trasformazione del mercato;

3. Realizzare in pieno l'obiettivo di tutela del pluralismo e sostegno alla effettiva fruizione di prodotti editoriali reali.

Sono queste le linee guida del decreto legge, approvato dal Consiglio dei Ministri, che ridisegna l'accesso per le imprese editrici di quotidiani e periodici ai finanziamenti pubblici. Il provvedimento di urgenza si rende necessario in ragione del periodo transitorio -- previsto dal decreto "Salva Italia" -- degli ultimi 2 anni di contributo diretto a quotidiani e periodici ed è quindi connesso alla maturazione di legittime aspettative da parte delle imprese.

Il decreto legge ha 4 tratti salienti:

1. I requisiti di accesso al contributo, che verrà erogato nel 2014, vengono rimodulati aumentando il rapporto tra distribuzione e vendita. Per le testate nazionali (quelle cioè distribuite in almeno 5 regioni, con una percentuale di distribuzione in ciascuna non inferiore al 5% della distribuzione complessiva) il rapporto è aumentato dal 15% al 30%. Per quelle locali dal 25% al 35%. Questo meccanismo è mirato a far diminuire i costi di distribuzione e stampa, spingendo le imprese a rendere più efficiente la propria rete distributiva.

In ogni caso, il contributo per ciascuna azienda non può superare quello calcolato in misura piena per l'anno 2010. (11.05.12)