Advertising Console

    Roma - Conferenza stampa Consiglio dei Ministri n. 26 (30.04.12)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    763
    25 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Roma - Conferenza stampa Consiglio dei Ministri n. 26

    SPENDING REVIEW

    Il Consiglio dei Ministri ha esaminato il rapporto sulla spending review "elementi per una revisione della spesa pubblica", illustrato dal Ministro per i Rapporti con il Parlamento e il Programma di governo, Piero Giarda.

    Il rapporto, che segue l'approvazione del Documento di Economia e Finanza di mercoledì 18 aprile, analizza le voci di spesa delle pubbliche amministrazioni, con la finalità di evitare inefficienze, eliminare sprechi e ottenere risorse da destinare alla crescita. La razionalizzazione e il contenimento dei costi sono infatti fondamentali per garantire, da un lato il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica, dall'altro l'ammodernamento dello Stato e il rilancio dell'economia e dell'occupazione.

    Il rapporto pone l'accento su cinque anomalie di sistema:

    1. La prima riguarda la struttura della spesa pubblica italiana. In Italia si spende meno della media dei Paesi OCSE per la fornitura di servizi pubblici e per il sostegno agli individui in difficoltà economica mentre le spese per gli interessi sul debito pubblico e per le pensioni superano la media europea. Queste due voci valgono circa 310 miliardi di euro, una cifra che ostacola la flessibilità di gestione e adattamento della risposta pubblica alle domande provenienti dall'economia.

    2. La seconda è rappresentata dal costo della produzione dei servizi pubblici. L'aumento dei costi di produzione dei servizi pubblici (scuola, sanità, difesa, giustizia, sicurezza) non è stato accompagnato da un adeguato livello di qualità. Queste spese, secondo i dati ISTAT, sono cresciute in trenta anni, dal 1980 al 2010, molto più rapidamente dei costi di produzione dei beni di consumo privati. Se i costi del settore pubblico fossero aumentati nella stessa misura del settore privato, la spesa per i consumi collettivi oggi sarebbe stata di 70 miliardi di euro più bassa. (30.04.12)