Advertising Console

    Usa 2012, Romney cerca l'appoggio della lobby delle armi. Il candidato alla conferenza annuale della Nra

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    13 visualizzazioni
    St. Louis, (TMNews) - "Abbiamo bisogno di un presidente che faccia rispettare le leggi vigenti, non crearne di nuove che scarichino gli oneri legali sui possessori di armi. Il Presidente Barack Obama non lo farà". Da St. Louis, in Missouri, alla conferenza annuale dell'Nra, l'associazione nazionale dei fucili, il candidato alle primarie repubblicane Mitt Romney cerca l'appoggio della potente lobby delle armi. E lo fa con un riferimento indiretto al caso che sta infiammando l'America: l'omicido del 17enne di colore Trayvon Martin; il suo assassino non è stato accusato da subito di omicidio grazie alla legge "Stay Your Ground", che consente di sparare se ci si sente anche solo minacciati. La vicenda non viene mai citata espressamente, né Romney affronta la questione del controllo delle armi; una faccenda complicata negli Stati Uniti e spinosa ancora di più per il candidato repubblicano che da governatore del Massachusetts aveva emanato una legge per limitare le armi che non era piaciuta alla Nra. Ora la strada per recuperare terreno si gioca all'attacco di Obama.