Riccione: uno spettacolo per il Sic, in campo amici e artisti per la Fondazione Marco Simoncelli

Prova il nostro nuovo lettore
altarimini
9
139 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Chissà per chi avrà tifato da lassù il Sic, Marco Simoncelli, a cui è stato intitolato il primo Memorial di calcio svoltosi sabato sera allo stadio Italo Nicoletti di Riccione. Sugli spalti gremiti, alcune centinaia di persone hanno assistito all'evento benefico che ha visto sfidarsi sul campo la Nazionale TV, capitanata dal Gabibbo, e la Minos System Team, capitanata dal pilota Mattia Pasini e composta da amici di Marco. Il risultato poco importa (si è imposta la squadra degli artisti per tre reti a due), è stato lo spettacolo a farla da padrone. Dagli spalti anche uno striscione arrivato appositamente da Roma, portato proprio dalla Capitale da due tifosissime giunte a Riccione per l'occasione. A mostrare un'eccellente forma fisica Simone Barbato (il mimo di Zelig), ma anche Matteo Materazzi (Quelli che il calcio), Ascanio, Moreno Morello, Capitan Ventosa e Jimmy Ghione da Striscia la Notizia, dall'altra parte Andrea Dovizioso, Manuel Poggiali, Mattia Pasini e Dj Ringo, col quale Sic aveva condotto una trasmissione radiofonica.
Grande protagonista anche Paolo Simoncelli, padre di Marco, che con la sua grande compostezza ha ricevuto la maglia "D'oro" con il numero 58, il numero di Sic, in ricordo del primo Memorial a lui dedicato.
I proventi raccolti durante la serata andranno all'associazione Marco Simoncelli e un commosso papà Paolo ha spiegato ai nostri microfoni quali sono i prossimi progetti: il sostegno alla Fondazione Rava, che aiuta i bambini orfani e abbandonati nelle sue case accoglienza ed ospedali nell'America centrale e meridionale, l'intento è infatti quello di costruire e ad attrezzare a San Pedro de Macoris una nuova struttura dedicata appunto a Marco. Intanto, con le iniziative già svolte, sono stati raccolti i fondi per acquistare un microscopio per i medici che operano in Africa e in programma c'è anche la ristrutturazione di uno stabile di Coriano per creare un centro diurno per i disabili del circondario. 

0 commenti