Vacanze in Libia: le zone di guerra diventano meta per i turisti. "Political tours" organizza viaggi nei luoghi della rivoluzione

askanews

per askanews

852
107 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Tripoli (TMNews) - Fino a pochi mesi il compound di Gheddafi a Tripoli era lo scenario delle ultime sanguinose battaglie per il controllo della Libia. Oggi è la prima tappa della vacanza di questo gruppo di turisti inglesi, americani e australiani. Il viaggio è organizzato dalla società "Political tours" che offre da sempre pacchetti per visitare zone come la Nord Corea e i Balcani."Ho pensato che se esistono tour storici e musicali - spiega Nick Wood fondatore della società - possono esserci anche tour politici che permettano di aver accesso ai luoghi come i giornalisti inviati".I turisti hanno la possibilità di parlare con gente del posto, di interrogarli sulla rivoluzione, su come è cambiata la loro vita. La situazione non è ancora del tutto stabile e ci si muove con discrezione accompagnati da uomini della sicurezza che proteggono un gruppo decisamente variegato: si va dal 20enne curioso di conoscere la storia recente attraverso chi l'ha vissuta all'82enne viaggiatrice instancabile appena tornata da Iraq e Afghanistan. Tutti dicono di essere stati accolti con grande calore dai libici, contenti di raccontare la loro storia.

0 commenti