Tentata estorsione, Falsone a giudizio a Palermo AGTV 10-11-2010.mpg

Try Our New Player
AgrigentoTV
3.4K
59 456 views
  • About
  • Export
  • Add to
Posted on 10 novembre 2010 by Antonino Ravanà

L'ex capo di Cosa Nostra agrigentina Giuseppe Falsone ha accettato di farsi processare dall'autorità giudiziaria italiana per l'accusa di tentata estorsione. Il boss, arrestato nel giugno scorso a Marsiglia, in Francia, ha così evitato ai Pm della Procura di Palermo di chiedere l'estradizione alle autorità francesi. Falsone, già condannato all'ergastolo per omicidio, è accusato di avere chiesto il pizzo, insieme ai boss Nino Rotolo e Bernardo Provenzano, a due imprenditori di San Giovanni Gemini, Vito Lo Scrudato e Giovanni Lupo, per lavori che stavano effettuando a Palermo. Provenzano e Rotolo sono già stati processati e condannati per le stesse accuse. Il nome di Falsone viene fuori da pizzini sequestrati a Provenzano il giorno dell'arresto e della intercettazioni realizzate nel box in cui Rotolo, ai domiciliari, organizzava i summit di mafia. Il processo è stato rinviato al 28 febbraio davanti ai giudici della quarta sezione penale del Tribunale di Palermo

0 comments