20 chili di cocaina nella statua di Buddha: sequestro a Fiumicino. Arrestati due corrieri sudafricani nello scalo romano

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

916
168 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Anche una statua di Buddha può diventare un nascondiglio per importare illecitamente in Italia della droga. La fantasia delle organizzazioni criminali per superare i controlli non conosce limiti. Due cittadini sudafricani provenienti da Buenos Aires sono stati fermati dalla Guardia di Finanza all'aeroporto di Fiumicino: avevano nascosto 20 chili di cocaina purissima nei posti più impensabili. Nel corso dell'ispezione, i due corrieri hanno dichiarato che la statuetta era destinata ad un loro amico di fede buddista, mentre gli oggetti in legno erano souvenir daregalare ai familiari. Le pulegge, invece, sarebbero servite per la riparazione di un macchinario, ma l'inganno è stato subito scoperto e tutti gli oggetti erano imbottiti di cocaina. La droga avrebbe fruttato all'organizzazione criminale oltre cinque milioni di euro. I due sono stati arrestati.

0 commenti