Advertising Console

    Giappone, sottomarino per raggiungere l'epicentro dello tsunami. Al via un progetto per studiare il grande terremoto

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    368 visualizzazioni
    Tokyo (TMNews) - Una missione sottomarina per raggiungere l'epicentro del terremoto che innescò lo tsunami dell'11 marzo 2011 in Giappone. A un anno dal disastro ambientale, un gruppo di scienziati ha messo a punto un sottomarino che potrà contribuire a fare luce su quel sisma mappando il fondale marino. Il capo progetto Gerold Wefer. "Vogliamo posizionare - ha spiegato lo scienziato - degli strumenti sul fondo del mare e anche mappare l'area, per capire quanto grandi sono stati i cambiamenti prodotti dal terremoto".Il geologo giapponese Shuichi Kodaira sottolinea invece l'importanza della raccolta di dati storici. "La storia dei grandi terremoti nella zona del Giappone - ha spiegato - può essere registrata nel materiale sedimentato. Questo è l'obiettivo della missione".Il sottomarino avrà caratteristiche speciali, tutte ad alta tecnologia, come spiega il responsabile tecnico del progetto, Volker Ratmeyer. "Ci sono otto videocamere, macchine fotografice e dispositivi ad alta definizione, per avere un'ottima visuale. Ci sono poi diversi manipolatori idraulici che consentono di realizzare tutte le rilevazioni necessarie".Studiando lo stato del fondo marino gli scienziati sperano di arrivare a comprendere meglio le dinamiche dei grandi terremoti, facendo un passo avanti anche sulla strada della previsione dei sismi.