Advertising Console

    In manette il rapinatore col fucile in casa armi, munizioni e sigarette

    Riposta
    altarimini

    per altarimini

    12
    90 visualizzazioni
    Rapina aggravata, detenzione e porto illegale di armi alterate, tentato furto e furto aggravato di armi: è la sfilza di reati per cui sono scattate le manette per un 48enne nato a Rimini, ma residente a San Clemente, celibe e con vicende penali a carico per reati contro il patrimonio. I carabinieri avevano intensificato l'attività investigativa dietro la scia di alcuni furti che avvenivano con le stesse modalità, con l'utilizzo di un fucile, che l'autore dei colpi non esitava ad utilizzare contro persone o telecamere di videosorveglianza, perpetrati in esercizi commerciali di varie tipologie. L'ultimo episodio martedì in una tabaccheria di Coriano. Gli agenti sono arrivati all'autore dei colpi dalle indagini sulla macchina da lui utilizzata, una Fiat Panda di colore blu, la cui targa era stata alterata. L'uomo è stato fermato ieri mattina a bordo della vettura sulla quale hanno trovato una sacca piena di armi e munizioni. Dalla successiva perquisizione domiciliare sono state rinvenute e sequestrate decine di stecche di sigarette e un centinaio di "Gratta e Vinci", verosimilmente bottino di precedenti furti. Inoltre nella sua abitazione è stata trovata un'ingente quantità di munizioni, 5 fucili, di cui uno a canne mozze, una pistola a tamburo caricata a salve, tutte armi rubate nella medesima abitazione di Gemmano, ma in due diversi colpi, uno nel maggio e uno nel dicembre 2011. L'uomo si era reso protagonista il 23 gennaio scorso anche di un tentato furto ad un supermercato di San Clemente, dove aveva sparato contro l'allarme.