Costa Concordia incidente, i materiali per un film

Prova il nostro nuovo lettore
BitEditor

per BitEditor

57
388 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.cinema10.it/costa-concordia-ci-sarebbero-i-materiali-per-un-film-27593.html Poco fa ci è arrivato un comunicato stampa secondo il quale i carabinieri di Orbetello avrebbero costituito una task force di presidio subacqueo "sito all'altezza di una precisa area della nave Costa Concordia". L'obiettivo della task force è quello di custodire "soldi, gioielli, vestiti e documenti dei passeggeri" custoditi in una speciale cassaforte della nave. Un vero e proprio tesoro, che i militari sorveglieranno dagli eventuali ladroni. La notizia mi ha fatto tornare in mente uno dei miei film preferiti, Titanic, e il suo preziosissimo gioiello "cuore dell'oceano", ritrovato anni dopo la catastrofe del 1912. I giornali stanno dando notizia anche di alcune signore che vorrebbero indietro anelli e brillanti abbandonati sulla Costa Concordia. Da qui al viaggio con la fantasia, per sognare un film tratto dalla tragedia della Costa Concordia, il passo è breve. Vi racconto un aneddoto: quando il regista Oliver Stone dovette lavorare sulla pre-produzione del film World Trade Center, visionò oltre 30 ore di riprese amatoriali e dei telegiornali effettuate durante gli istanti dell'attacco alle Torri Gemelle. Anche Brian De Palma, in occasione del lancio del suo film Redacted, parlò dell'importanza di Youtube per reperire materiale informativo e di "semplice ispirazione": "ho letto blog di soldati e libri, ho guardato i video di guerra artigianali realizzati dai militari, ho navigato nei loro siti e ho esaminato i loro post su YouTube, era tutto a disposizione e tutto su video". Ho fatto una inchiesta online per rintracciare la mole di materiali video dell'incidente della Costa Concordia: al momento in cui scrivo, su Youtube vengono pubblicati circa 5 video a ora; dal giorno dell'incidente ad oggi, le ore di registrazione condivise, sempre su Youtube, sono più di 7. Tra tv digitale terrestre e servizio pubblico sono state mandate in onda oltre 400 ore di trasmissioni informative e di approfondimento sulla catastrofe. Ad un regista, non resterebbe che lavorare su questi materiali e girare un lunghissimo documentario. 

0 commenti