Il Louvre si espande: apre la nuova sezione di arte islamica. Il nuovo dipartimento sfrutta il sottosuolo

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
70 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il Louvre di Parigi è forse il più famoso museo del mondo, eppure, nonostante la sua storia plurisecolare, continua a rinnovarsi. L'ultimo tassello è rappresentato dal nuovo dipartimento di arti islamiche, un gioiello dell'architettura contemporanea firmato dall'italiano Mario Bellini insieme al collega francese Rudy Ricciotti. "Abbiamo scavato - spiega quest'ultimo - per 12 metri sotto il livello delle facciate storiche. E' un lavoro molto complesso che richiede un elevato livello di specializzazione". Il progetto prevede una copertura leggera e traslucente, che ricorda la struttura di un immenso velo, tributo alla cultura musulmana che i progettisti vogliono mostrare non sullo sfondo di quella occidentale."Vogliamo esporre circa 3mila opere - spiega la direttrice del dipartimento Sophie Makariou - che coprono l'intero mondo islamico, dalla Spagna, dal Maghreb atlantico fino a includere l'India, dall'inizio del settimo secolo e fino al XIX". "E' un'operazione estetica - commenta il presidente e direttore del Louvre Henri Loyrette - ma anche politica, perché mostra il lato più brillante di questa immensa civiltà che è l'Islam". Il nuovo dipartimento islamico dovrebbe aprire al pubblico la prossima estate.

0 commenti