Un viaggio in zattera alla scoperta del sottosuolo di Napoli. Sulla "Caronte" nel tunnel Borbonico

askanews

per askanews

844
164 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Napoli (TMNews) - Un viaggio emozionante alla scoperta di Napoli come quasi nessuno l'ha mai vista: dalle sue viscere. Un percorso quaranta metri sottoterra, al centro di un fiume a bordo di una zattera alla scoperta del sottosuolo partenopeo. Dopo anni di lavoro, a Santo Stefano il tunnel è stato riaperto al pubblico, grazie all'opera di Gianluca Minin. Il percorso inizia al centro di una cisterna del seicentesco acquedotto di Napoli. Da quel punto partirono, negli anni '80, i lavori per la costruzione della Ltr poi sospesi e mai più ripresi. Così nel cuore della città è rimasto abbandonato un lunghissimo tunnel, che si è lentamente allagato, fino a creare il nuovo suggestivo percorso sotterraneo. Per accedere a bordo della Zattera chiamata Caronte Napoletano è necessario prenotare al sito web del tunnel borbonico.

0 commenti