La Spezia, Gdf decapita un gruppo di trafficanti di esseri umani. Dalla Nigeria arrivavano illecitamente in Italia: 8 arresti

askanews

per askanews

884
167 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Decapitata un'associazione a delinquere composta da nigeriani dedita al traffico internazionale di esseri umani tra Nigeria ed Italia, accusata anche di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione. L'operazione "Caronte", questo il nome, è stata coordinata dalla Guardia di Finanza di La Spezia che ha eseguito 8 arresti in tutta Italia. Vertice dell'associazione criminale era la Nigeria, con ramificazioni in diversi stati africani, prevalentemente Niger e Libia, ma anche in Europa, tra cui Italia, Francia e Germania. L'organizzazione criminale nigeriana determinava periodicamente delle vere e proprie "quote" di persone da inviare in Europa, mediante i canali dell'immigrazione clandestina, assegnando ai loro referenti, anche loro di etnia nigeriana e ormai radicati nelle nazioni occidentali, il compito di destinarli ad attività illecite di ogni genere, come prostituzione, spaccio di stupefacenti e altri reati. Al vertice dell'associazione clandestina è stato individuato un nigeriano di 29 anni, soprannominato "ONFRY", residente nell'hinterland spezzino.

0 commenti