Advertising Console

    Altarimini. Bilancio 2009 per la questura di Rimini

    altarimini

    per altarimini

    13
    21 visualizzazioni
    Un 2009 sicuramente positivo a livello di interventi ed operazioni svolte per il personale della Questura di Rimini. In base ai numeri presentati stamane, nel corso di una conferenza stampa, calano i reati. Tanto ottimismo ed un possibile cambio di residenza, infatti il Ministero al momento sta vagliando 4 proposte, per risolvere il problema di sede per la polizia riminese. Dentro le parole del Questore Oreste Capocasa, tanta soddisfazione e fiducia per l'anno che sta iniziando. Un rapido excursus attraverso dati e percentuali del 2009 per raccontare, in breve, un lavoro di squadra efficace ed intenso lungo 12 mesi. Aumentano di gran lunga le "identificazioni" segnale forte dell'attività di prevenzione sempre più capillare nel territorio riminese. Il problema dell'ordine pubblico e del rispetto delle normative sulla somministrazione di bevande alcoliche ha visto chiudere ben 6 locali. Prostituzione, furti negli esercizi e abusivismo in netto calo, segnali positivi, punti di partenza per un futuro all'insegna della legalità e della sicurezza. Stabili le rapine nelle abitazioni, calano le lesioni dolose del 17% mentre quasi il 6% in meno si registra per le ricettazioni. Meno 30% per le estorsioni e meno 15% per le truffe. In netta diminuzione anche gli incendi dolosi meno 23%. Nuovo "volto" per i poliziotti di quartiere, che opereranno anche fuori la propria aria di competenza per contrastare al meglio la delinquenza. Aspettando questa nuova sede, conclude Capocasa, i cittadini non possono più sopportare i disagi di dover venire in Corso D'Augusto per le loro denunce non ci sono spazi e parcheggi adeguati, ringrazio tutti coloro che operano insieme alla polizia e l'obiettivo del 2010 è quello di riuscire attraverso il "contrasto" ad operare al meglio contro la delinquenza, dare un segnale di svolta allintera provincia. Ecco il video con lintervista al Questore Oreste Capocasa. Simona Angela Gallo