Advertising Console

    Arriva l'estate e arrivano gli esami di maturità

    Riposta
    altarimini

    per altarimini

    12
    19 visualizzazioni
    Estate alle porte e essa gli esami di Stato per l'anno scolastico 2010-2011. Nella giornata di lunedì 20 giugno presso il Liceo Classico Giulio Cesare di Rimini sono stati presentati i dati e le informazioni che riguardano gli studenti delle scuole secondarie di II grado della Provincia. 2.647 il totale degli alunni distribuiti nelle varie tipologie di scuole superiori, di cui 190 i non ammessi agli esami. Si conferma così una percentuale dei non ammessi leggermente inferiore rispetto all'anno precedente, e sempre in gran parte determinata dagli Istituti Professionali, nonostante la valutazione di ammissione da quest'anno tenga in considerazione l'andamento dell'alunno anche negli anni precedenti all'ultimo. Le prove scritte saranno nei giorni del 22, 23 e 27 giugno, dopo di ché partiranno i colloqui. Un momento di crescita, di orientamento e consolidamento, così detto "maturità", per ogni studente ma anche per l'organo scolastico. Gli esami avranno inizio alle 8 e 30 di mattina e, come negli anni precedenti, sarà tassativamente vietato l'utilizzo di ogni tipologia di apparecchiatura tecnologica, pena l'immediata espulsione. La prima prova d'esame verte sulla padronanza linguistica, la maturità intellettuale, le capacità creative e critiche. La seconda concerne la materia caratterizzante il corso di studio, infine la terza coinvolge non più di 5 discipline ed è principalmente finalizzata a stabilire se l'alunno è stato in grado di cogliere l'intero della cultura e le discipline nel loro concorrere a una visione unitaria del mondo degli eventi. Dopo un giorno di pausa dalla conclusione delle prove scritte, partiranno i colloqui/dialoghi con la presentazione di una tesina scelta dal candidato, che verrà da lui discussa e collegata ad un orizzonte disciplinare più vasto. Si passerà poi agli approfondimenti nelle varie materie. Il senso fondamentale dell'esame di Stato è, e dovrebbe essere, l'attuarsi dello Stato stesso nel riconoscere il valore dello studente a confronto con il lavoro di chi insegna. Nelle foto (da sx) il Dirigente tecnico dell'Ufficio Scolastico Regionale di Bologna, Dott. Gabriele Boselli, il Dirigente dell'Ufficio Scolastico territoriale, ambito di Rimini, Dott.ssa Agostina Melucci e il Dirigente Franca Berardi.