P.assaggi di vino nel centro di Rimini

Prova il nostro nuovo lettore
altarimini
9
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Questa mattina, presso la Domus di Bacco, è stato presentato il programma dell'edizione 2010 di P.assaggi di Vino. La Provincia di Rimini, in collaborazione con la Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini e -- per il primo anno -- con il contributo della locale Camera di Commercio, organizza, anche in questa caldissima estate 2010, P.assaggi di vino, la popolare kermesse dedicata al vino riminese e ai suoi produttori. L'ormai classico appuntamento serale dedicato al vino Doc riminese e alle sue cantine si terrà il 16 luglio, quest'anno con una 'marcia in più': la recente acquisizione della Doc "Sangiovese Colli di Rimini". Saranno 35 le cantine presenti e 20 i sommelier professionali addetti alla mescita dei vini: vini che verranno serviti in calici di vetro consegnati al visitatore al momento dell'acquisto del coupon che, fatto importante in tempi di crisi, avrà lo stesso costo degli ultimi anni. Con 5 euro, quindi, l'ospite riceverà una sacca contenente un calice in vetro, una piantina con la posizione delle cantine e degli spettacoli e un coupon che dà diritto a tre assaggi complessivi nelle postazioni sommelier. Ulteriori (p)assaggi potranno essere acquistati -- sempre alle casse -- a 2 euro l'uno.La manifestazione si svolgerà in Piazza Tre Martiri e -- per l'occasione -- la piazza si 'vestirà' di un arredo insolito e piacevole. La famosa 'rosa' della piazza verrà infatti coperta da un prato verde e, intorno ad essa, verranno disposti quattro prati più piccoli, ognuno con un albero d'arredo e postazioni per musica acustica. il prato grande sia quelli più piccoli conterranno tavoli illuminati da candele. L'atmosfera sarà raccolta e la luce bassa e soffusa, così da condurre il visitatore davvero "al centro della notte del vino", per usare lo slogan di quest'edizione 2010. I suoni contribuiranno a creare l'atmosfera meditativa adatta alla degustazione: si andrà, infatti, dal jazz-bossa del trio Cais e del Valentina Sousa Trio al cantautorato (in rigorosa versione acustica) di Daniele Maggioli; dalle parole ed armonie vocali di Maria Costantini alle arpe antiche dei Folafulanta, fino al kletzmer (musica tradizionale ebraica) del Trio Radio. 

0 commenti