Crisi, per le Pmi è tempo di guardare all'internazionalizzazione. Incontro in Assolombarda per le imprese dell'asse Mi-To

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
32 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
L'internazionalizzazione di piccole e medie imprese - con export e delocalizzazione - come ricetta contro la crisi, facendo sistema per affermarsi sui mercati stranieri. Se n'è discusso a Milano a un convegno di Assolombarda e Unione industriale piemontese, dedicato agli imprenditori dell'asse Milano-Torino. Alberto Meomartini, presidente di Assolombarda. Le esportazioni restano il canale principale di presenza all'estero, anche se sono sempre di più le aziende milanesi e torinesi che, in ragione di un minor costo del lavoro e un cuneo fiscale più vantaggioso, scelgono di delocalizzare la produzione. Abbiamo ascoltato le esperienze di due imprenditori piemontesi: Enrico Tabellini della conceria Mesi e Dario Gallina, titolare dell'omonima azienda di materie plastiche.Dall'esperienza, infine, nasce l'esperienza: per favorire l'internazionalizzazione anche delle aziende più piccole e deboli, l'Associazione piccola industria di Torino ha creato un progetto per accompagnare letteralmente i manager, passo dopo passo, verso i mercati stranieri. I risultati sono concreti: nel giro di un anno il fatturato dell'azienda pilota è raddoppiato e ora il format è pronto a essere applicato anche ad altre realtà.

0 commenti