Advertising Console

    Libia, parla Saif al-Islam: ferito alla mano da un raid Nato. Il figlio del rais parla in un video diffuso sul Web

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    288 visualizzazioni
    Saif Al-Islam, figlio dell'ex leader libico Gheddafi, in questo video diffuso su Internet dallo Zintan media center parla dell'incidente alla mano destra, che al momento della cattura, avvenuta sabato 19 novembre, mostrava completamente fasciata."Dopo aver lasciato Bani Walid, abbiamo subito un raid della Nato. Ventisei nostri uomini sono caduti come martiri altri sono stati seriamente feriti"."Le ferite che ho riportato alla mano risalgono ad un mese fa quando ero vicino a Wadi Zemzem, non sono libici quelli che ci hanno attaccato ma uomini Nato"."Si è deciso che una equipe medica, compresi anestesisti verrà qui a Zenten per sottopormi all'operazione di cui ho bisogno"."Noi siamo qui con i nostri fratelli e i nostri parenti. Non c'è alcun problema, discutiamo e parliamo senza difficoltà".Dal giugno scorso, il secondogenito di Gheddafi era ricercato dalla Corte penale internazionale dell'Aja per crimini contro l'umanità e per aver avuto un "ruolo chiave"nella repressione della rivolta pianificata dal padre.